recupero crediti

Agenzia di recupero crediti: cosa fanno

Le agenzie di recupero crediti hanno una maggiore capacità di riscossione di crediti insoluti rispetto alle grandi aziende e alle banche

Le agenzie per il recupero dei crediti sono delle aziende specializzate nella riscossione di quei crediti rimasti insoluti per conto di terzi soggetti.

Tali agenzie ricevono l’incarico da banche e grandi imprese di recuperare parzialmente o totalmente crediti che sono derivati da prestiti, finanziamenti o mutui.

Il guadagno che hanno le società di recupero crediti è costituito da percentuali sul credito recuperato dal debitore.

Come agisce un’azienda di recupero crediti

La ragione per la quale un’azienda, ad esempio, si rivolge ad una agenzia di recupero crediti, invece di cercare di incassare da sola il proprio credito dal debitore, è nel fatto che l’attività di recupero crediti comporta spese non indifferenti, ha dei tempi lunghi ed è caratterizzata da esito incerto.

Le agenzie adottano invece strategie collaudate e mirate al recupero crediti delle aziende e delle banche, e con ciò hanno maggiori probabilità di riscuotere, con minore dispendio di risorse e di tempo.

Le indagini patrimoniali

Nello svolgere l’attività di recupero crediti, le agenzie possono seguire due strade principali.

Da una parte viene contattato il debitore, con solleciti al pagamento di quanto è dovuto; dall’altro lato, si svolge una indagine patrimoniale attraverso diversi canali, con la finalità di conoscere quali beni e redditi sono a disposizione del debitore.

L’agenzia così accerta il luogo di residenza del debitore, inoltre il domicilio, la sede dove presta lavoro e la tipologia di lavoro svolto (se è una attività professionale, se è autonoma, se lavoro dipendente, pubblico o privato).

Possibile così essere a conoscenza dell’entità dello stipendio di colui che deve saldare il debito, con il fine di un eventuale pignoramento del quinto dello stipendio stesso.

La fase più pervasiva di tutte le indagini patrimoniali che va ad operare l’agenzia di riscossione del credito sono gli accertamenti svolti presso banche, enti postali ed istituti finanziari, finalizzati ad accertare l’esistenza di conti correnti, libretti e depositi.

Sono inoltre raccolte informazioni presso l’Agenzia delle Entrate, presso il Catasto e la Conservatoria dei beni immobiliari al fine di rintracciare tutti gli immobili di cui è proprietario il debitore. Questa ricerca è finalizzata ad un possibile pignoramento dei beni, successivamente da mettere all’asta, ma anche per accertare l’entità dei redditi che sono a disposizione del debitore.

Sono attuati anche controlli presso i registri automobilistici (P.R.A.) per poter individuare beni mobili registrati che sono in possesso del debitore.

Solleciti e pignoramenti

Le indagini che abbiamo descritto permettono all’agenzia di recupero crediti di avere un quadro affidabile della situazione finanziaria, patrimoniale e reddituale del debitore. In questa maniera, l’agenzia di riscossione crediti affina le strategie adeguandole alla specificità del debitore specifico.

Dopo la fase iniziale di indagine, l’agenzia andrà a contattare il debitore con una lettera di sollecito e, in seguito, con contatti telefonici ed anche con visite a domicilio, per cercare un accordo con lo stesso debitore, proponendo un piano di rientro.

Se solleciti, telefonate e visite si rivelano infruttuosi, l’azienda di recupero crediti va senz’altro a procedere col pignoramento dei beni oppure dei conti correnti di cui ha conoscenza, per ricavare una somma che possa soddisfare le pretese del cliente che si è rivolta a lei.

Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Articoli Correlati

Torna su