logo mano

Come intervenire in caso di molestie

Come intervenire in caso di molestie ce lo insegna il modello dei 5 passi.

La maggior parte delle persone non sanno se e come intervenire in caso di molestia in luogo pubblico. La prima cosa da evidenziare è che davanti a situazioni che potrebbero apparire come molestie è sempre opportuno intervenire, magari con azioni discrete che possano lasciare il tempo e dare l’occasione alla vittima di slegarsi dalla situazione e allontanarsi o chiedere aiuto. Nel caso si fosse valutata in modo errato la situazione e non si stava configurando un atto di molestia. L’intromissione è talmente discreta da non creare disturbo agli altri.

Proseguendo con la lettura di questo breve articolo è possibile comprendere meglio.

Distrarre

La prima cosa da fare nel caso in cui si assista ad una molestia è quella di DISTRARRE. In pratica cosa vuol dire: semplicemente vi avvicinate presentandovi come conoscenti della vittima o per chiedere l’ora o una banale informazione relativa ad indicazioni stradali o altro.

Delegare

Una volta che ci si è intromessi è necessario coinvolgere nell’intervento una figura autorevole come il barista, il negoziante, il conducente del bus, o altri passanti. Questa delega e condivisione della responsabilità si configura come mezzo di deterrenza.

Documentare

Davanti a situazioni di molestia è utilissimo alla vittima, ai fini legali, riuscire ad ottenere dei documenti testimoniali. Filmare l’accaduto è indispensabile e in ogni caso tutte le immagini ottenute non vanno mai postate sui social o condivisi con altri.

Dire

Il ‘dire’, cioè parlare al molestatore o alla molestatrice deve essere l’ultima ed estrema strada da percorrere. La sicurezza personale deve prevalere. Nel caso in cui si valuti la possibilità, in sicurezza, di rivolgersi direttamente alla persone che sta aggredendo, bisogna farlo sempre con toni accondiscendenti e contenuti per evitare che si inneschi una spirale di agitazione e aggressività.

Dare sostegno

Una volta che la situazione si è sciolta e il/la molestatore/trice si è allontanato bisogna confortare la vittima ascoltandola e comportandosi come se foste amici.

Gli psicologi possono aiutare le persone con percorsi di crescita personale, di sostegno psicologico e di ascolto attivo. Come professionisti della salute e del benessere  gli psicologi e le psicologhe hanno le competenze e il dovere di contribuire attivamente affinché si cambi la cultura alla base degli atti di molestia.

Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Articoli Correlati

Torna su