onoranze2

Il lavoro delle onoranze funebri e la sua importanza all’interno di una società

Quando si sente parlare di onoranze funebri, le prime sensazioni non sono chiaramente delle migliori.

Per ovvie ragioni infatti, questo tipo di lavoro viene collegato alla morte e, molto spesso, a una persona cara che ci ha lasciato. Nonostante ciò, è bene tributare la dovuta importanza a chi svolge questo tipo di mansioni. All’interno di una società infatti, sin dalla notte dei tempi, la necessità di dare un degno saluto a un membro della stessa che è deceduto, risulta essenziale per la struttura della stessa.

In questo breve articolo dunque, andremo a vedere di cosa si occupano le onoranze funebri e di perché sono così importanti.

Il lavoro delle onoranze funebri: dalla burocrazia alla tanatoestetica

Siamo abituati a concepire il lavoro il servizio di Pompe Funebri come semplicemente il trasporto del feretro dalla casa del defunto alla chiesa e da questa al cimitero. In realtà, il lavoro comincia molto prima.

La parte burocratica, dal certificato di morte a vari documenti e scartoffie, sono il primo lavoro che gli addetti sbrigano. Pur trattandosi di un “semplice” lavoro d’ufficio, per una persona comune risolvere questo intrico di fogli e certificati può essere difficile, sia per il momento ovviamente difficile di chi ha perso un familiare, sia perché la burocrazia italiana è nota per essere difficile da decifrare.

Altro passo è quello di curare la salma affinché si presenti al meglio alla veglia funebre. Questo insieme di pratiche, solitamente poco conosciute, è detta tanatoestetica. Si tratta di una serie di operazioni atte ad eliminare temporaneamente, gli inevitabili segni della morte sulla salma.

La cerimonia funebre poi, è un’altro impegno non indifferente per le onoranze funebri. Questa deve seguire le esigenze e i desideri della famiglia, oltre ad essere spesso legata alla specifica regione della persona scomparsa. In alcuni casi, la cerimonia è invece laica e dunque non presenta alcun tipo di simbolo religioso.

Con burocrazia e cerimonia alle spalle, le pompe funebri si devono occupare dell’ultimo viaggio della persona scomparsa. Le richieste, in questo senso, sono solitamente tre:

  • inumazione, ovvero la collocazione del feretro in un loculo;
  • tumulazione, ovvero il seppellimento della bara nel terreno;
  • cremazione, cioè la pratica di combustione e riduzione in polvere della salma.

Anche in questo senso, la volontà del defunto e della famiglia sono fondamentali per sapere quale soluzione intraprendere. Durante questo processo comunque, le onoranze funebri accompagnano i familiari durante queste scelte difficili, tenendo sempre conto che si tratta di un momento particolarmente difficile per le stesse.

 

Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Articoli Correlati

Torna su