rottamazione auto come procedere

Rottamazione auto: come muoversi per sbrigare la pratica

La rottamazione auto è per legge a tutti gli effetti obbligatoria: questo significa che lo stato vieta assolutamente, pena sanzioni di vario tipo, di abbandonare il proprio veicolo in un luogo pubblico, qualunque esso sia, poiché le vetture (come facilmente si può immaginare) non si smaltiscono facilmente e sono inquinanti!

Se infatti un individuo si accorge che una vettura è ferma da troppo tempo in una strada pubblica potrebbe benissimo denunciare e chi di dovere non faticherà a risalire al proprietario e prendere provvedimenti. Ecco perché rottamare la tua auto, nonostante questo possa richiedere un po’ di tempo, è assolutamente essenziale!

Rottamazione auto: quali sono le opzioni

Esistono diverse vie per occuparsi della rottamazione. La prima opzione è quella di sviluppare la pratica per conto proprio o affidandosi a qualche ente che se ne occupa.

La seconda invece è quella di rivolgersi a una concessionaria: spesso infatti molte concessionarie accettano di prendere in carico la rottamazione della tua macchina dandoti in cambio alcuni incentivi sull’acquisto di un veicolo nuovo che, secondo le nuove direttive, deve essere eco-friendly (ibrida, elettrica o comunque non eccessivamente inquinante, a differenza delle vetture di una volta).

Come rottamare la tua macchina in autonomia

Se invece non sei intenzionato ad acquistare una nuova vettura ma vuoi semplicemente rottamare la tua auto a cui non sei più interessato o troppo vecchia per continuare a farti compagnia, allora questi semplici passi da seguire saranno per te dei consigli molto utili!

  1. Per prima cosa è necessario rivolgersi all’ACI (Automobili Club d’Italia) per assicurarti che sia tutto in regola e di poter intraprendere la pratica.
  2. A questo punto sei pronto per iniziare a sbrigare la pratica vera e propria. Rivolgiti a un demolitore e consegnagli la vettura in questione: sarà l’unico posto in grado di rottamare la tua auto in sicurezza e con l’autorizzazione dello Stato. Il demolitore provvederà a demolire la tua auto occupandosi di cancellarla dal registro del PRA (Pubblico Registro Automobilistico), che ti esonera finalmente dal dover pagare le tasse connesse al tuo veicolo. Questa cancellazione richiederà un massimo di 30 giorni di tempo.
  3. Solo dopo questo passaggio il demolitore potrà fornirti il certificato di rottamazione.

Qualche informazione da tenere a mente prima di avviare la pratica

Non dimenticare che tutto il processo della pratica richiede ovviamente dei documenti che dovrai avere a portata di mano. Il demolitore infatti ti chiederà le targhe del veicolo, il certificato che attesta la proprietà della macchina e ovviamente il libretto di circolazione!

Considera sempre che rottamare un’auto comporta dei costi, anche se moderati, che variano sulla base di alcuni fattori come le condizioni del veicolo (se necessita di qualcuno che lo prelevi perché non in condizioni di poter andare in strada, i costi saranno chiaramente più alti); la tipologia di veicolo, il Comune in cui ti trovi; il demolitore a cui decidi di rivolgerti.

Su questo articolo di aumuch.it sul costo della rottamazione auto nel 2021 trovi tutte le informazioni necessarie!

Come per ogni cosa, spesso le vicende burocratiche sono più difficili a dirsi che a farsi: ti garantiamo che seguendo questi passi rottamare la tua auto sarà più semplice del previsto e tu sarai fiero di aver sbrigato la pratica contando solo sulle tue forze!

Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Articoli Correlati

Torna su