Come i motori di ricerca interagiscono con il tuo sito

Il rapporto tra un sito web e i motori di ricerca è molto stretto: Google interagisce frequentemente con un sito, analizzando in maniera minuziosa contenuti, struttura e segnali esterni.

I lavori legati all’ambito SEO, tra le altre cose, mirano a facilitare questo tipo di interazioni per rendere i contenuti di un sito più appetibili ai motori di ricerca. Ma quali sono i tipi di azioni che Google ha con un sito e i suoi contenuti?

Indicizzazione e posizionamento

L’indicizzazione siti Google è l’operazione eseguita automaticamente dai crawler (detti anche spider), piccoli bot che scannerizzano instancabilmente i siti alla perenne ricerca di nuovi contenuti. Essi raccolgono le informazioni, le catalogano e le rendono poi disponibili agli algoritmi del motore di ricerca.

A questo punto si verifica il secondo tipo di interazione: una volta ottenuti i dati con i lavori dei crawler, questi sono analizzati minuziosamente dagli algoritmi che, dopo un’elaborazione piuttosto complessa, restituiscono quello che è il risultato del posizionamento.

Si tratta di un tipo di interazione a senso unico e, l’unica cosa che si può fare è sveltire il processo attirando l’attenzione di Google e dei suoi spider grazie alla preziosa Search Console, un tool che può aiutare a forzare l’indicizzazione di una pagina o di un articolo appena pubblicato.

Per approfondire questo argomento clicca qua.

Un processo senza fine

I crawler non smettono mai di tenere sotto controllo i siti web continuando a indicizzare siti google perennemente. Allo stesso modo anche il posizionamento è un processo senza fine: molto spesso, la posizione del nostro sito può subire delle variazioni. Queste fluttuazioni possono dipendere da diversi fattori: l’ottimizzazione di articoli già esistenti, il miglioramento o la costruzione di una struttura interna tra i contenuti o nuovi backlink.

A mischiare ulteriormente le carte in gioco vi sono poi gli aggiornamenti degli algoritmi di Google. Essi infatti, portano a rivalutare i posizionamenti da parte del motore di ricerca con con relativi sconvolgimenti delle SERP.

Naturalmente poi è bene tenere conto che miglioramenti e peggioramenti, soprattutto se minimi, possono essere causati da altri competitor: non bisogna mai scordare che i nostri “avversari” sono sempre e comunque degli esseri umani con cui ci confrontiamo quotidianamente per scalare le serp.

Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Potrebbe interessarti