Errore 500 wordpress

Come correggere l’errore 500 in WordPress

Vedere un errore interno del server 500  dove dovrebbe essere il tuo sito Web è sufficiente per gettare nel panico chiunque. Quando il tuo sito web non funziona, perdi traffico e vendite potenziali. Se è offline per un po’, può anche avere un impatto negativo sui tuoi sforzi di ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) .

Fortunatamente, ci sono molti modi per correggere questo errore. Molte di queste soluzioni sono abbastanza semplici e non è necessario molto know-how tecnico per iniziare la risoluzione dei problemi.

In questa guida, tratteremo cos’è l’errore interno del server 500 in WordPress e discuteremo alcune potenziali cause. Quindi ti forniremo 10 suggerimenti per aiutarti a ripristinare il funzionamento del tuo sito web.

  1. Fai il backup del tuo sito web.
  2. Prova a ricaricare la pagina.
  3. Svuota la cache del browser.
  4. Accedi ai log degli errori.
  5. Verificare la presenza di “Errore durante la creazione di una connessione al database”.
  6. Cerca errori di autorizzazione.
  7. Aumenta il limite di memoria PHP.
  8. Verifica la presenza di problemi con il tuo file .htaccess .
  9. Cerca errori di codifica o sintassi nello script CGI/Perl.
  10. Chiedi al tuo host web potenziali problemi con il server.

Iniziamo!

Qual è l’errore interno del server 500?

L’errore interno del server 500 è frustrantemente aspecifico. Quando si verifica l’errore, di solito non si ottengono molti dettagli a riguardo. In effetti, potresti non ricevere alcuna informazione.

errore 500 wordpress
errore 500 wordpress

L’errore 500 è un problema generico che non è specifico di WordPress. È probabile che tu l’abbia già visto durante le tue esplorazioni su Internet. Nonostante il nome, non significa necessariamente che qualcosa non va nel tuo server. Potrebbe essere un problema con il tuo sito web o browser.

Se vedi questo errore sul tuo sito, ti consigliamo di risolverlo il più rapidamente possibile. Un errore 500 può influire sulla tua SEO  se consentito. Se il tuo sito viene scansionato mentre è offline, è possibile che Google interpreti l’errore come un problema con il tuo sito web.

Questo errore può anche danneggiare la tua esperienza utente (UX)  e dare ai visitatori l’impressione che tu non sia professionale. Non solo una scarsa UX può influenzare il modo in cui Google classifica il tuo sito, ma può anche farti perdere clienti. Dopotutto, non puoi fare affari se il tuo sito non è accessibile.

Un’ampia varietà di situazioni può causare l’errore 500, rendendolo un po’ complicato da risolvere. Le potenziali cause dell’errore interno del server 500 in WordPress includono:

  • Problemi di compatibilità dei plugin
  • Limite di memoria PHP esaurito
  • File danneggiati
  • Errori di codifica o di sintassi

Il fatto che il messaggio di errore stesso tenda ad essere vago non aiuta. Fortunatamente, puoi risolvere molti di questi problemi da solo con un po’ di esperienza.

Articolo correlato: Realizzazione sito web per agenzia casa vacanze

Variazioni sull’errore interno del server 500

A seconda del sistema operativo, del browser e della causa dell’errore, ci sono variazioni nel modo in cui apparirà. Ad esempio, se non è possibile stabilire una connessione al database, potresti visualizzare qualcosa del genere:

Un semplice schermo bianco, a volte indicato come White Screen of Death (WSoD) , può indicare un errore interno del server 500.

Inoltre, molti proprietari di siti hanno la possibilità di personalizzare i propri 500 messaggi di errore. Quindi potresti vedere questo errore in molte forme diverse.

Come correggere l’errore interno del server 500 in WordPress (Suggerimenti 10)

Ora che hai avuto un’introduzione all’errore interno del server 500, è tempo di discutere come risolverlo. Diamo un’occhiata a dieci suggerimenti che puoi utilizzare per risolvere questo problema in WordPress.

1. Esegui il backup del tuo sito web.

Prima di armeggiare sotto il cofano, è sempre intelligente fare un backup del tuo sito web. Se Aruba ospita il tuo sito, puoi sfruttare la nostra  funzione di backup con un clic . Puoi anche creare un backup manuale se preferisci.

Per eseguire un backup completo, dovrai salvare copie dei tuoi file WordPress e dei tuoi database. Puoi eseguire il backup dei file del tuo sito utilizzando un  client SFTP (Secure File Transfer Protocol) come FileZilla .

Una volta connesso al tuo server, vai ai file di WordPress che desideri salvare. Questi file includono l’installazione principale di WordPress, plug-in, temi, immagini e altro. Per salvare i file, fai semplicemente clic con il pulsante destro del mouse su di essi e seleziona Download .

backup FTP
backup FTP

Ora dovrai eseguire il backup del tuo database, cosa che puoi fare accedendo a phpMyAdmin. Seleziona il database che desideri scaricare dal pannello di sinistra, quindi fai clic sulla  scheda Esporta .

Dovrai quindi scegliere tra un’esportazione “Veloce” o “Personalizzato”. L’esportazione rapida probabilmente funzionerà bene a meno che non sia necessario gestire opzioni più avanzate.

Fai clic sul  pulsante Vai e il download dovrebbe iniziare. Una volta eseguito il backup sicuro del tuo sito Web, puoi iniziare a lavorare per correggere l’errore 500.

Articolo rorrelato: L’importanza di avere un sito web oggi!

2. Prova a ricaricare la pagina.

Cominciamo con lo scenario migliore. Alcune situazioni che causano un errore interno 500 si risolvono da sole in pochi minuti. Ad esempio, se hai appena apportato modifiche a un plug-in o a un tema o se il tuo host sta riscontrando un traffico insolitamente intenso, potresti visualizzare un errore del server. Se questo è vero nel tuo caso, sei fortunato, poiché un semplice ricaricamento della pagina dovrebbe riportare le cose alla normalità.

Pertanto, la prima cosa da provare è semplicemente aspettare un minuto o due, durante i quali si spera che l’errore si risolva da solo. Quindi puoi provare a ricaricare la pagina premendo F5 o (comando + R se stai utilizzando un Mac).

3. Svuota la cache del browser.

Un’altra potenziale correzione degli errori del server rapida e semplice è svuotare la cache del browser. È possibile che la cache sia danneggiata, il che potrebbe causare problemi durante il tentativo di accedere ai siti Web.

Per prima cosa, potresti controllare Down For Everyone or Just Me . Questo determinerà se c’è un problema diffuso o se sei l’unico ad avere difficoltà.

Se sei solo nella tua frustrazione di 500 errori, il problema potrebbe essere il tuo browser. Prova ad accedere al tuo sito da un browser diverso. Se un’alternativa funziona, è un segno che il problema riguarda la tua cache.

In Google Chrome, puoi svuotare la cache premendo Ctrl + Maiusc + Canc . In alternativa, puoi fare clic sui tre punti verticali nell’angolo in alto a destra, seguiti da Altri strumenti > Cancella dati di navigazione .

svuotare la cache
svuotare la cache

Assicurati di selezionare la  casella Immagini e file memorizzati nella cache . Quindi fare clic sul pulsante Cancella dati  .

In Firefox, puoi svuotare la cache usando la  scorciatoia da tastiera Ctrl + Maiusc + Canc . Si aprirà la  finestra Cancella cronologia recente . Nel  menu a discesa Intervallo di tempo da cancellare , seleziona Tutto . Seleziona la  casella Cache , quindi fai clic su OK .

In Safari, puoi accedere alla  voce di menu Cronologia e scegliere Cancella cronologia . Tieni presente che questo cancellerà tutto, inclusi i cookie e le pagine visitate.

Dopo aver svuotato la cache del browser , puoi tentare di accedere nuovamente al tuo sito web. Se continui a visualizzare l’errore interno del server 500, è ora di passare a correzioni più complesse.

Un altro articolo che ti potrebbe interessare è come valutare il preventivo per un sito web.

4. Accedi ai registri degli errori.

I log degli errori del tuo sito possono fornire informazioni dettagliate sulla causa dell’errore 500. A seconda del tuo host, questi registri potrebbero essere ciclati abbastanza spesso, quindi ti consigliamo di dare un’occhiata il prima possibile.

Puoi controllare i log degli errori accedendo ai file del tuo sito tramite SFTP e cercando la  directory /logs . Quindi, seleziona il sito in cui si verifica l’errore. A questo punto potresti vedere diverse directory. Ti consigliamo di controllare quello con la data più recente.

Puoi visualizzare il registro scaricandolo e aprendolo con il tuo editor di testo preferito. Si spera che i registri degli errori ti forniscano un contesto aggiuntivo per l’errore 500.

Un’altra opzione è abilitare il log di debug di WordPress . Puoi farlo collegandoti al tuo sito tramite SFTP e aprendo il tuo file  wp-config.php . Al suo interno, cerca la seguente riga:

define('WP_DEBUG', false);

Una volta trovato, sostituiscilo con il seguente:

define( 'WP_DEBUG', vero);

define( 'WP_DEBUG_DISPLAY', false );

define( 'WP_DEBUG_LOG', vero);

Questo creerà un file debug.log , che puoi trovare nella directory /wp-content/ . Assicurati solo di riportare il valore WP_DEBUG su “false” quando hai terminato la risoluzione dei problemi.

5. Verificare la presenza di “Errore durante la creazione di una connessione al database”.

Se si è verificato un problema nello stabilire una connessione al database , non solo il tuo sito sarà offline per i visitatori, ma non sarai nemmeno in grado di accedere alla dashboard di amministrazione di WordPress . Ci sono alcune possibili cause di questo:

  • Credenziali di accesso al database errate
  • Un database WordPress danneggiato
  • Un file di installazione di WordPress danneggiato

Iniziamo con credenziali di accesso errate, poiché questa è una causa comune dell’errore di connessione al database. Se sei un utente Aruba, puoi trovare le credenziali del tuo database  nel tuo pannello. Tuttavia, se utilizzi un host diverso, probabilmente seguirai una procedura simile.

Passa a Database MySQL  e trova quello che corrisponde al tuo sito Web nella sezione Database su questo server  . Qui troverai il nome del tuo database sotto l’  intestazione Database . Il nome utente è elencato nella  colonna Accesso utenti .

Per trovare la password , fare clic sul nome utente. Nella schermata successiva, scorri verso il basso e fai clic sul  pulsante Mostra accanto al campo della password.

Come trovare la password del database in DreamPanel.

Successivamente, confronterai queste credenziali con quelle nel tuo  file wp-config.php . Puoi accedere a questo file nella directory principale del tuo sito tramite SFTP. Una volta scaricato il file, aprilo e verifica che le informazioni in Impostazioni MySQL  corrispondano a quelle che hai trovato nel tuo pannello.

Controllo delle impostazioni MySQL nel file wpconfig.php.

Successivamente, se il tuo database è danneggiato, puoi ripararlo rapidamente tramite phpMyAdmin. Accedi e fai clic sul tuo database nel pannello di sinistra. Seleziona tutte le tabelle nel database, quindi scegli l’  opzione Ripara tabella dal menu a discesa.

Riparazione di un database in phpMyAdmin.

Infine, diamo un’occhiata a come gestire un file di installazione di WordPress danneggiato. Inizia scaricando una nuova copia di WordPress  e decomprimendo il file. Dovrai eliminare la  cartella wp-content e il file wp-config-sample.php  .

Eliminazione di file da una nuova installazione di WordPress.

Carica il resto dei file sul tuo sito tramite SFTP, sovrascrivendo quelli esistenti. Ora hai un’installazione WordPress nuova di zecca e non danneggiata. Ti consigliamo anche di svuotare la cache del browser prima di controllare di nuovo il tuo sito web.

6. Cerca gli errori di autorizzazione.

Se uno qualsiasi dei tuoi file ha le autorizzazioni impostate in modo errato, di conseguenza potresti visualizzare l’errore interno del server 500. Ancora una volta, puoi controllare e modificare queste autorizzazioni utilizzando SFTP.

Fare clic con il pulsante destro del mouse su qualsiasi file e selezionare Autorizzazioni file  per aprire una nuova finestra di dialogo. In questa finestra è possibile verificare e, se necessario, impostare nuovi permessi per il file.

Verifica e aggiornamento dei permessi dei file utilizzando FileZilla.

In genere, ti consigliamo di impostare i file su “644” e le directory e gli eseguibili su “755”. Tuttavia, potresti voler verificare con il tuo host se non sei sicuro dei valori corretti.

7. Aumenta il limite di memoria PHP.

Un altro motivo per cui potresti visualizzare l’errore interno del server 500 è se hai superato il limite di memoria PHP del tuo server . Esistono diversi modi per aumentare il limite e tutti implicano l’utilizzo di SFTP.

Prima di provare ad aumentare il limite di memoria, potresti voler iniziare vedendo a cosa è attualmente impostato. Puoi farlo tramite la dashboard di amministrazione di WordPress. Tieni presente che, con alcune varianti dell’errore 500, non sarai in grado di accedere alla dashboard. In tal caso, potrebbe essere necessario saltare questo passaggio.

Dalla dashboard di WordPress, vai su Strumenti > Stato del sito . Fai clic su Info  nella parte superiore dello schermo e scorri verso il basso fino alla  sezione Server . Dovresti vedere il tuo limite di memoria PHP lì.

Come controllare il limite di memoria PHP del tuo sito WordPress.

Per aumentare il limite di memoria PHP , ci sono alcuni file che puoi modificare. Uno è il tuo  file .htaccess , che in genere si trova nella directory principale del tuo sito. Apri il file e aggiungi il seguente codice:

php_value memory_limit xxxM

È possibile sostituire “xxx” con la quantità di memoria desiderata. Di solito, 256M sono sufficienti.

Puoi anche aumentare il limite di memoria modificando il  file php.ini . Dovresti riuscire a trovare questo file nella tua directory principale. In caso contrario, puoi procedere e crearne uno. Aggiungi o aggiorna il suo codice come segue:

limite_memoria = xxxM

Un’altra opzione è aggiungere il seguente codice nella parte superiore del  file wp-config.php :

define('WP_MEMORY_LIMIT', 'xxxM');

Se questo risolve l’errore 500, il tuo prossimo compito sarà capire cosa sta causando l’esaurimento del limite di memoria. Potrebbe essere un plugin o un tema problematico. Potresti prendere in considerazione la possibilità di contattare il tuo host per chiedere aiuto per trovare la diagnostica esatta del server.

8. Verifica la presenza di problemi con il tuo file .htaccess.

Il tuo   file .htaccess  è uno dei file principali di WordPress. Contiene regole per il tuo server, quindi potrebbe contribuire a un errore interno del server 500.

Se il tuo  file .htaccess è danneggiato , ti consigliamo di andare avanti e crearne uno nuovo. Inizia accedendo al tuo sito tramite SFTP e trovando il tuo . file htaccess . Rinomina il file in .htaccess_old .

Rinominare un file in FileZilla.

Ora, crea un nuovo  file .htaccess nel tuo editor di testo e incolla quanto segue:

# INIZIA WordPress

RewriteEngine attivato

RewriteRule .* - [E=HTTP_AUTHORIZATION:%{HTTP:Autorizzazione}]

Riscrivi Base /

RewriteRule ^index.php$ - [L]

RiscriviCond %{REQUEST_FILENAME} !-f

RiscriviCond %{REQUEST_FILENAME} !-d

RewriteRule. /indice.php [L]

# FINE WordPress

Vai avanti e carica il  file .htaccess appena creato . Quindi aggiorna il tuo sito nel browser e controlla se viene visualizzato il messaggio di errore.

9. Cerca errori di codifica o sintassi nello script CGI/Perl.

Se stai eseguendo script CGI (Common Gateway Interface), qualsiasi errore di codifica che hai commesso potrebbe causare un errore 500. Per scoprire potenziali problemi con i tuoi script CGI, accedi al tuo sito utilizzando Secure Shell Access (SSH) .

Dopo aver effettuato l’accesso, puoi risolvere i problemi del tuo CGI  con questo comando:

[server]$ ./nome_cgi.cgi

Il terminale dovrebbe restituire un messaggio di errore generale e il numero di riga su cui si trova il colpevole. Da lì, puoi lavorare con la tua magia di programmazione!

Quando si lavora con CGI, è necessario tenere a mente alcune best practice per evitare problemi. Innanzitutto, è consigliabile utilizzare un editor di testo semplice per assicurarsi di mantenere il formato ASCII. Quando carichi gli script, dovresti anche essere in grado di selezionare la modalità ASCII nel tuo client FTP.

Modifica dell'opzione del tipo di trasferimento in FileZilla.

Infine, se necessario, carica nella  directory cgi-bin del tuo server. Quindi puoi ricontrollare le autorizzazioni dei tuoi file una volta caricati.

10. Chiedi al tuo host web potenziali problemi con il server.

Se tutto il resto fallisce, potrebbe esserci un problema con il server, che solo il tuo host può confermare. Sfortunatamente, se il server del tuo host sta riscontrando un problema, potresti dover attendere alcuni tempi di inattività del sito web .

Se sei un cliente Aruba, puoi controllare la  pagina dal cPannel. Questa risorsa fornisce informazioni su tutti i servizi.

In caso di problemi durante il tentativo di riparare l’errore interno del server 500, puoi sempre contattare il nostro team di supporto tecnico. Sono pronti e aspettano di darti una mano! Se hai seguito i suggerimenti in questa guida, avrai molte informazioni preziose per il tecnico.

Assistenza WordPress Online

Spesso WordPress come altro CMS, presenta problemi. Fortunatamente esistono forum di supporto e sviluppatori delle agenzie che possono dare una mano. Una di queste agenzie è MISTER SITO, leader nella realizzazione di siti web e assistenza WordPress. Si tratta di una Web Agency di Lecce, fondata nel 2012 da Carlo Alberto Bello consulente SEO WordPress. MISTER SITO è la prima Web Agency a fornire supporto per WordPress veloce! Su mistersito.com sezione Supporto WordPress è possibile chiedere assistenza con supporto immediato, scorrendo in fondo alla pagina di assistenza, troverete tutti i prezzi per le varie risoluzioni e casistiche su WordPress.

Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn

Articoli Correlati

Torna su