Bonus caldaie 2022, Quali sono le agevolazioni?

La nuova legge del bilancio 2022 presente in Gazzetta Ufficiale, entrata in vigore a partire dal 1 gennaio 2022, ha introdotto novità e proroghe relativamente al bonus previsti dal governo. Per esempio, il bonus relativo all’acquisto, installazione di una nuova caldaia prorogato fino al 2024 con detrazione fiscale del 65%, 50%, 110%. Restano invariati lo sconto in fattura e la cessione del credito.

Bonus caldaia 65%.

L’Ecobonus per il risparmio energetico prevede uno sconto in detrazione Irpef, fare il 65% della spesa complessiva, ma per ottenere questo bisognerà installare non solo la condensazione di classe a, ma anche dei sistemi di termoregolazione evoluti oppure delle valvole termostatiche.

L’obiettivo, infatti, è quello di aumentare e ottimizzare il risparmio energetico installando dei sistemi di termoregolazione per abbattere sprechi e soprattutto inquinamento. Questi sistemi servono per la gestione delle temperature e sono fondamentali per un utilizzo corretto della caldaia. Nella classe quinta classe quarta o classe terza. Le detrazioni fiscali non sono previste in caso di passaggio da impianto centralizzato ad autonomo o individuale.

Bonus ristrutturazione 50%.

Acquistando una caldaia a condensazione di classe a senza alcun sistema di regolazione, si potrà accedere ad uno sconto relativo a detrazione del 50% sfruttando il bonus ristrutturazioni. Questo bonus prevede infatti una detrazione del 50% per lavori effettuati nel recupero del patrimonio edilizio e per questo applica uno sconto Irpef su spese legate AI nuovi impianti di riscaldamento. Considerare una parte integrante della casa. In questo caso, però, la spesa massima deve essere di 96.000 €.

Super bonus 110%.

Il Superbollo 110% è un’agevolazione prevista dal decreto rilancio del governo.

Ehi, eleva al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute nei specifici interventi in ambito di efficienza energetica. Gli interventi antisismici, installazioni, impianti fotovoltaici o infrastrutture, ricarica elettrica dei veicoli negli edifici.

Vengono chiamati interventi trainanti e da un accesso al bonus sono interventi imprescindibili come isolamento termico di involucri, sostituzione di impianto di climatizzazione obsoleto invernale su pareti comuni, interventi antisismici.

Gli interventi trainanti, infatti, possono concorrere al superbonus soltanto se realizzati insieme a lavori trainanti, ovvero lavori di efficienza energetica, di installazione di pannelli fotovoltaici. O di strutture per ricarica di veicoli come detto in precedenza. La sostituzione della caldaia rientra da interventi trainanti previsti dal superbonus 110% e bisognerà appunto per usufruirne realizzare uno tra gli interventi trainanti che portano il diritto al bonus.

Tutti gli interventi citati in precedenza portano ad un aumento di circa due classi energetiche.

Bonus caldaie perché è importante?

La caldaia ha un elemento fondamentale all’interno delle nostre abitazioni, infatti andando verso l’inverno si tratta di un alleato fondamentale per combattere il freddo, permette la circolazione di acqua calda sanitaria all’interno delle tubature e soprattutto il riscaldamento all’interno dell’abitazione. Le caldaie obsolete, però, seppur funzionanti, sono molto più inquinanti e soprattutto consumano molto di più. Proprio per questo motivo sarà fondamentale approfittare dei bonus forniti dallo Stato per acquistare una nuova caldaia a condensazione che porterà ad un abbattimento dei costi e quindi ad un miglioramento dell’efficienza energetica.

Per installare la vostra caldaia potrete fare riferimento alla nostra ditta. Siamo infatti un‘azienda specializzata in assistenza caldaie Vaillantnel settore da più di 20 anni, dotata di un team di esperti tecnici certificati che coprono tutto il territorio della capitale. Lavoriamo 7 giorni su 7, 24 ore su 24 per garantire efficientemente il nostro servizio.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Articoli Correlati

Torna su